La famiglia dei Conti DELLA GENGA, di antiche origini marchigiane, è documentata dall’ XI secolo nel castello di Genga in provincia di Ancona da dove proviene e a cui ha dato il nome.

I della Genga si sono distinti in modo illustre nell’ambito letterario, politico, religioso e delle armi nel corso dei secoli sin dall’epoca medievale. Si ricordano tra questi: la poetessa Leonora contemporanea del Petrarca, i condottieri Guido ai tempi di Federico II di Svevia, Rinaldo, Ercole, Donnino che servì papa Giulio II della Rovere, il cardinale Annibale diventato Papa nel 1823 col nome Leone XII, che indisse l’unico anno giubilare del XIX secolo ed è sepolto nella Basilica di S. Pietro, il cardinale Gabriele sepolto in S. Lorenzo in Lucina a Roma.

La famiglia, a seguito di unioni matrimoniali e parentele acquisite, progressivamente prese dimora in Umbria, tra Assisi e Spoleto, città in cui si stabilì in modo definitivo.

Nel centro storico di Spoleto si può ammirare il palazzo De Domo Alberini pervenuto ai della Genga per unioni familiari. Il palazzo fu tra l’altro dimora del papa Leone XII.

L’ultimo e unico discendente, il conte Lorenzo Pucci Boncambj marchese della Genga de Domo Alberini, amministra le sue proprietà mantenendo e valorizzando l’importante patrimonio tramandato nei secoli.