«Ci sono luoghi della immaginazione ancorché reali...
ne ricordo uno così segreto e misterioso da sembrare concepito solo in un sogno.
È una villa poco lontano da Spoleto, alla fine di un lungo sentiero tra gli alberi...
paradiso di evasione in una natura aspra ma dolcissima»
Così ne parla Vittorio Sgarbi